Residenza per anziani a Genova

Home

“Autoisolamento e cura per gli ospiti”

La struttura ha chiuso le porte già il 26 febbraio, salvandosi dal contagio.

La ricetta della Rsa Madri Pie che ha tenuto fuori il coronavirus

Genova. Un isolamento rigoroso e in anticipo rispetto alle linee guida nazionali unito ad una gestione scrupolosa degli spazi interni e del personale: queste le motivazioni alla base di un risultato, quello del “zero contagi”, che per quanto riguarda le strutture per anziani in pochi, purtroppo, possono oggi vantare a livello nazionale.

Stiamo parlando della struttura “Casa per Anziani Madri Pie” di via Galata, che in queste settimane di emergenza sanitaria si è distinta per aver evitato che il coronavirus entrasse, facendo strage dei suoi ospiti, come purtroppo è successo in molti altri contesti, anche genovesi.

Casa di Riposo e Residenza per Anziani

Per anziani autosufficienti e non

La Residenza per Anziani “Casa Anziani Madri Pie”, situata in Via Galata, a pochi passi dalla Stazione ferroviaria di Brignole, accoglie persone anziane di ambo i sessi, autosufficienti e non.

Comoda, centralissima, ben servita dai mezzi pubblici, con possibilità di parcheggio nell’adiacente autoparco.

La “Casa Anziani Madri Pie” offre servizi al prossimo, attraverso l’attività medica, infermieristica, socio-assistenziale a persone anziane, in un ambiente dignitoso e di fraterna assistenza nel massimo rispetto della loro libertà e della loro dignità umana, civile e cristiana.

Una Casa di Riposo nel cuore di Genova

In Via Galata, a pochi passi dalla Stazione Brignole

Chiamaci Subito

+39 010 59 06 05

Chiamaci Subito

+39 327 82 31 302

Perchè sceglierci

Servizi e assistenza di alta qualità e uno staff esperto e qualificato
  1. Staff esperto sempre disponibile

    La Casa di Riposo per Anziani Madri Pie mette a disposizione dei suoi Ospiti staff medico e infermieristico qualificato e pronto a rispondere a ogni esigenza clinica.

  2. Posizione Centralissima

    La Residenza per Anziani Madri Pie è in pieno centro a Genova, a pochi passi da Brignole e con possibilità di parcheggio.

  3. Servizi per ogni esigenza

    La struttura offre una vasta gamma di servizi in grado di coprire al meglio tutte le esigenze di ogni Ospite al meglio.

Dicono di noi

Le opinioni di chi ha conosciuto Casa Madri Pie

Carissimi, ci tengo particolarmente a ringraziare dal profondo del cuore ciascuno di voi per l’assistenza prestata a papà in questo periodo di permanenza presso la struttura. Come ho già detto ad alcuni, una sera mentre mi allontanavo per la notte, alla mia domanda se potevo andare tranquilla papà mi ha risposto che accanto a lui c’erano “i suoi angeli” riferendosi al personale in servizio.

Irene

Genova

Grazie a tutti, (scusandomi se ora non ricordo i nomi ma i vostri volti li ho tutti ben presenti) al personale addetto alla pulizia, a quello della lavanderia, a tutte le OSS (Antonella, Lilia, Ottavia, Siria e alle altre colleghe di cui ora mi sfugge il nome ma non meno presenti), alle infermiere (Barbara, Chippy, Pelagie, Rebecca e all’infermiera di notte), a Barbara della Segreteria, al fisioterapista Andrea e a Ottavio. Un grazie anche a Vincenzo e Francesca, ai medici Penco e Colombo.

Laura

Genova

Ringrazio personalmente ciascuno di voi per la pazienza che avete dimostrato con me e per la gentilezza nel curarvi anche di noi familiari quando eravamo accanto a mia mamma. ll vostro è un lavoro così prezioso! E ancora di più lo è quando, come state facendo voi, viene accompagnato da intelligenza, partecipazione e grande calore umano.

Giovanni

Genova

Terza Età e Servizi di Assistenza

News e articoli dal settore dei servizi assistenziali e residenziali per anziani
Polemica sui tamponi obbligatori per i dipendenti delle RSA che tornano dalle ferie

Dopo le critiche dei sindacati, Gianni Pastorino (Linea Condivisa): “Onere aggiuntivo a carico delle strutture e vacanze accorciate”

«Rsa lasciate sole contro il virus». Esposti in serie, Alisa nel mirino

Denunce da Linea Condivisa e Anaao: «Emergenza malgestita, strutture senza mascherine e carenza di tamponi» Viale: «Siamo arrivati prima del Ministero, promuovendo monitoraggi e fornendo indicazioni alle direzioni sanitarie» Articolo tratto da: Il Secolo XIX – 02/06/2020 Genova. Un mese di sostanziale blackout, con residenze per anziani abbandonate a se stesse senza direttive, dispositivi di protezione e tamponi. È l’accusa…

Lo slittamento della riapertura del Cup, Pastorino: “Toti spinge i cittadini a rivolgersi ai privati”

Per il capogruppo di Linea Condivisa il governatore segue la linea “Io speriamo che me la cavo”. La capacità programmatoria del presidente Toti è più o meno riassumibile così: riapriamo i CUP tra il 15 e il 22 giugno, ma diamoci perlomeno 14 giorni di tempo come precauzione, dopo la ripresa degli spostamenti fra le regioni.

Contattaci

Vieni a trovarci
Vuoi informazioni? Chiedi